Opere

Il tiglio e il santo

Immagine dell'opera Il tiglio e il santo di Enzo Viérin
2017
legno di noce, 64 x 47 x 10 cm
firma e data incise in basso a destra
Bancabollo 2017

Realizzato per illustrare il tema della 64a Mostra concorso estiva, “Miti e leggende della Valle d'Aosta”, il bassorilievo racconta lo spirito caritatevole di sant'Orso che, secondo la tradizione, era solito donare zoccoli ai poveri scalzi. La scena si svolge all'ombra del pluricentenario tiglio che sorge di fronte alla collegiata di Sant'Orso, ricavato dalla corteccia del tronco non lavorato: questo felice espediente espressivo sfrutta al meglio le qualità intrinseche del noce nostrano, l'essenza prediletta dallo scultore. Originale anche la scelta di “ritagliare” a giorno la composizione, che guadagna così leggerezza e una nota di modernità. La rappresentazione è svincolata dal suo contesto storico e trasposta in una realtà contadina senza tempo: ne scaturisce un richiamo alla carità e alla solidarietà più che mai attuale nella società odierna, dove questi valori rischiano di essere dimenticati.

Mostre

64a Mostra concorso dell'artigianato valdostano di tradizione, Aosta, agosto 2017.

Bibliografia

64a Mostra concorso dell'artigianato valdostano di tradizione, catalogo della mostra, Aosta 2017, p. 106; “Nouvelles”, 2, 2017, p. 10.